Bando Made Competence Center 4.0


Attività ammissibili

Le attività ammissibili devono rientrare nei seguenti asset:

  • strategia Industria 4.0, realizzazione di un piano di adozione delle tecnologie digitali e delle competenze strategiche per garantire a l’azienda l’evoluzione verso l’Industria 4.0 in termini di efficienza e di efficacia dei processi, coerentemente agli obiettivi aziendali

  • progetti di innovazione, progetti di ricerca industriale, di sviluppo sperimentale e di innovazione (di prodotto, di processo o di modelli organizzativi) necessari per sostenere la traduzione di idee innovative in concetti dimostrabili anche attraverso l’utilizzo delle 6 aree e dei 25 asset tecnologici presenti in Made

  • demo e test. Progetti di sviluppo di demo, prototipi, Proof of Concept (PoC) e Test-Bed in ambito Industria 4.0, utilizzando ambienti e strumenti tecnici, tecnologici e metodologici e know-how disponibili nelle 6 aree e nei 25 asset tecnologici presenti in Made

  • scouting tecnologico, individuazione delle tecnologie e dei partner tecnologici più adatti a sviluppare l’innovazione di prodotto e di processo, definendo una strategia tecnologica aziendale coerente con i trend che caratterizzano il settore

  • consulenza Tecnologica, attività di consulenza e studi di fattibilità finalizzati all’implementazione di soluzioni tecnologiche, organizzative e gestionali atte a migliorare i processi delle imprese in ottica Industria 4.0

  • validazione di progetti Industria 4.0, ovvero progetti di valutazione in merito all’adeguatezza delle tecnologie, delle metodologie e dell’esecuzione dei progetti di innovazione rispetto agli obiettivi prefissati e allo stato dell’arte.


Le attività progettuali dovranno inoltre fare esclusivamente riferimento ai seguenti ambiti tecnici:

1. progettazione, ingegnerizzazione e sviluppo prodotto

  • pianificazione, controllo avanzamento e monitoraggio real-time della produzione

  • tecnologie digitali per la gestione del fine ciclo del prodotto

  • controllo e monitoraggio energetico

  • strumenti digitali a supporto di metodologie di economia circolare e sostenibilità

2. tracciatura di prodotto e gestione della qualità

3. sistemi digitali di supporto all’operatore

4. tecnologie e sistemi digitali per la simulazione dei processi industriali

5. tecnologia e processo additivo

6. robotica collaborativa

7. cyber‐Security industriale

8. strumenti digitali a supporto di politiche di manutenzione 4.0

9. strumenti digitali a supporto di politiche di lean 4.0

10.intelligenza artificiale e Big Data Analytics

11.logistica interna e tracciabilità

12.strumenti e soluzioni digitali basati per l’integrazione di reti 5G e tecnologie emergenti in ambito industriale

Intensità dell’agevolazione

1) finanziamento del 50 % delle spese ammissibili di cui all’ Art.7 lett. a) e b) dedicate alle attività di ricerca industriale (così come descritto all’art.25 del Regolamento GBER);


2) finanziamento del 50 % delle spese ammissibili di cui all’Art.7 lett. a) e b) dedicate alle attività di relative agli studi di fattibilità (così come descritto all’art.25 del Regolamento GBER);


3) finanziamento del 25 % delle spese ammissibili di cui all’Art.7 lett. a) e b) dedicate alle attività di sviluppo sperimentale (così come descritto all’art.25 del Regolamento GBER);

a. di 10 punti percentuali per le medie imprese e di 20 punti percentuali per le piccole imprese;

b. di 15 punti percentuali se è i risultati del progetto sono ampiamente diffusi attraverso conferenze, pubblicazioni, banche dati di libero accesso software open source o gratuito;

L'intensità di aiuto per lo sviluppo sperimentale può essere aumentata fino a un'intensità

massima dell'50 % dei costi ammissibili come segue:


4) finanziamento del 50% delle spese ammissibili di cui all’Art.7 lett. a) e b) dedicate alle attività di innovazione alle PMI (così come descritto all’art.28 del Regolamento GBER);


5) finanziamento del 50% delle spese ammissibili di cui all’Art.7 lett. a) e b) dedicate alle attività di l'innovazione dei processi e dell'organizzazione alle PMI (così come descritto all’art.29 del Regolamento GBER);

Il contributo massimo richiesto per l’agevolazione a fondo perduto di ciascun progetto non potrà superare il valore di € 100.000,00

Le domande possono essere presentate dal 1 marzo al 20 Aprile


Per informazioni contattaci!

 

11 visualizzazioni0 commenti